Chi è Dante? Cosa ci racconta a distanza di secoli? Quali sono le sue conoscenze? Quali le sue scoperte? Che cosa siamo diventati dopo il suo verbo? E qual è oggi il nostro inferno?

Tutti all’Inferno è una passeggiata teatrale, nata per omaggiare il settecentesimo anniversario della nascita del Sommo Poeta all’interno della Valdinievole e non solo. Una rivisitazione di alcuni dei personaggi Danteschi attraverso uno sguardo contemporaneo e attuale: a volte tragico, altre volte poetico, molte volte comico.

SINOSSI

Un viaggio nei meandri dell’inferno condotto da un improbabile Caronte che oberato dall’arrivo di nuove anime da trasportare, si rifiuterà di farlo, o per lo meno ci proverà. A suo dire, ma soprattutto a dire del suo superiore: troppi i peccatori, troppe le delusioni per un mondo che sta andando in rovina, troppi gli oneri e pochi i diritti in questa società che sembra essere diventata una dittatura. Coscienzioso di non essere uno schiavo, né tantomeno un facchino, ci ricorderà – facendoci ridere – che il vero inferno è quello di tutti i giorni, quello della vita, non della morte.

Non sarà l’unico a mostrarci il suo punto di vista e la sua follia, per essere stato messo: fuori posto, fuori contesto, fuori da tutto. Con lui, le ombre maledette di: Virgilio, Ulisse, Caino, Beatrice, Francesca da Rimini, la Vergine Camilla, Pia De’ Tolomei.

Per sapere cosa diranno o cosa vorranno dire, dovrete venirlo a scoprire con le vostre orecchie e con i vostri sguardi.

NOTE

Tutte le voci registrate e utilizzate durante lo spettacolo, ci sono pervenute attraverso un annuncio trasmesso via social, a cui avevamo comunicato di mandarci – attraverso il cellulare – la lettura di un canto completo della Divina Commedia o di un frammento. Le varie interpretazioni, oltre a calcare il linguaggio Dantesco, sono state inviate in versione: napoletana, siciliana, portoghese, tedesca.

Di luogo in luogo, verranno fatti altri annunci per far sì che le voci trasmesse, siano le voci degli abitanti; tra loro: bambini, pensionati, liberi professionisti, docenti, operai, artisti, disoccupati.

Scritto e interpretato da Luca Privitera Elena Nina Ferretti, interventi lirici Arianna Neri, interventi cantati Martina Loscalzo, voci registrate Luigi Antonelli, Cristian Toccafondi, Elisa Pugliese, Martina Loscalzo, Graziano Ferretti, Lia Cipollini, Manola Petruzzi, Andrea Pini, Silvia Bechini, Luigi Cipollini, Duccio Mattana, Gianluca Dell’Oste, Giuliana Lombardi, Eleonora Franchi, Donato Emar Laborante, Alice Elettra Blanda, Anna Lazzerini, Gustavo Lopes, Martin Bauer, Vera Bauer, Holger Grabbe, Wera Kiesewalte, Klizia Coluccia, Davide Cangelosi, David Bargiacchi, Sergio Lo Verde.

Un progetto di Ultimo Teatro Produzioni Incivili Ass. Cult. Le Strenne di Baal

Prodotto da Regione Toscana, Dante O Tosco – Celebrazioni 700°, Comune di Ponte Buggianese






Buggiano

© COPYRIGHT 2021 | PRIVACY & NOTE LEGALI