La bottega Checchi

LE CHICCHE DI BICE

La mia bisnonna mi diceva: “Bimba, bei tempi, quando c’era la Gallona, non ti mancava mai nulla!”. Gallona era chiamata la signora Fernanda che, insieme al marito Vittorio Checchi, mandava avanti un bar con annesso negozio con ogni ben di Dio (dove oggi si trova il pub affacciato sulla piazza di Colle di Buggiano).

Se ti mancava qualche genere alimentare, la Gallona ce l’aveva, se se avevi finito i materiali per la scuola, dalla Gallona li trovavi, se andava via la luce in casa, la Gallona aveva le candele, se ti dovevi rammendare i calzini, dalla Gallona potevi comprare aghi e fili. Pensate che, a volte, lasciava nel retro bottega i vuoti delle confezioni e se c’era qualche involucro per oggetti fragili, mia nonna ci andava a prendere la pagliuzza per ristrutturare i nidi.

Durante la brutta stagione, nella stanza accanto al negozio, la Gallona disponeva i tavolini dove la gente sedeva per consumare i prodotti del suo bar oppure si ritrovava per giocare a carte, in estate, invece, metteva i tavoli fuori e, come succede ancora, in piazza c’era il ritrovo. Alla bottega arrivò anche il primo ed unico telefono e dopo, anche la prima ed unica televisione.

(testo di Irene Giacomelli)

    Buggiano

    © COPYRIGHT 2021 | PRIVACY & NOTE LEGALI